Vinci per noi magico genoa




vinci per noi magico genoa

Paola Pietra è realmente esistita, come si è imbattuta in questo personaggio?
Ritorni il sudore a bagnare le gote, e la lacrima sullamata sciarpa.
In porta come i terzini tre pennellate rosse* al respiro della rete-memoria (annientata) una difesa centrale, un mediano di vernice verde* per chiusure vita e forni laterali ali rosa froci esterni larghi sulle fasce come donnette al mezzo vinci artaserse diego fasolis un giallo* piscio d'ebreo fantasisti alla gola.
(Ermanno Eandi) Zoro Luomo bianco, a volte, è un cannibale.
Frequenza denergia/ (dedicato al managerla doppia mente del pilota vincente.) Via radio.Maurizio naviga con i suoi versi accanto alleroe e lotta per continuare a vivere da vivi in un mondo di uomini spenti.Il più recente romanzo di Claudio Morandini si intitola Rapsodia su un solo tema.Fu la via quella profumata dal pane Di un piccolo fornaio di carpi a lacrimare Davanti alla prima favola dellitalia sportiva Che apprese barcollante la grandezza Di un gracile uomo che vinse il dolore al traguardo E anche se squalificato restò il proprio IO Rimase.Ho visto spegnersi il sole, in un giorno buio, su un campo duro e arido, dove da spalti rapaci gremiti di uomini bianchi, planavano urla nere, sporcando un uomo nero con lanima candida.Ma quel giorno non era la festa del Santo Patrono di Ascoli.(Ermanno Eandi) Fabrizio Meoni Parafango sbiadito, il girare a vuoto delle ruote, di una moto capovolta, poi il nulla.Ermanno Eandi Altre Passioni V'è ch'insegue sogni, scarta incubi, libero in un verde spelato.



Ermanno Eandi Quel ragazzo era uno di noi Giù botte da orbi su quel corpo che diventa in pochi attimi esanime ha vinto il lupo cattivo ed ora lo stadio profuma di sangue quel ragazzo era uno di noi lo sport è lontano.
Dietro a che cosa?
(Ermanno Eandi) Generazione Combustibile Hai acquistato il calendario con le fanciulle nude?
Geloso di una moglie troppo bella (Fulvia Franco, ex miss Italia ambizioso e aggressivo, stregato dalla vita.
Il vento della poesia soffia nelle vele dellardore del grande avventuriero.Levento di ripete ogni anno, cicliche piogge monsoniche con il motore a scoppio.Il tuo corpo, abbandonato, come pelle di serpente, involucro vuoto.Anticonformista, non indossavi giacche dipocrisia e rigide cravatte che imprigionano la mente, la tua casacca era il libero pensare, leleganza di essere autentico in un mondo a volte falso.aggiornamento DEL proposito del rapporto tra letteratura e musica pop/rock, lufficio stampa della Fanucci mi ha segnalato il nuovo libro di Francesco Marchetti (già autore di saggi su Lucio Battisti).Ed è una gioia ancora poterli rinverdire.


[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap